STATUTO

ASSOCIAZIONE PER L'AMBASCIATA DELLA DEMOCRAZIA LOCALE

A ZAVIDOVICI - O.N.L.U.S. -IMPRESA SOCIALE

STATUTO

ART. 4 FINALITA'

L'Associazione bandisce la guerra e ogni forma di violenza ed agisce nel rispetto ed a favore dei diritti umani, civili e politici. Si oppone alle ideologie nazionaliste ed imperialiste ed è contro ogni forma di sfruttamento dell'uomo e della donna.

L'Associazione, al fine di affermare i principi della pace e della non-violenza, della cooperazione e della solidarietà internazionale, della giustizia sociale ed economica, della convivenza e della democrazia, del dialogo interculturale, si propone altresì le seguenti finalità:

- promuovere e tutelare il rispetto dei diritti umani senza distinzione di sesso, lingua, religione, opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione;

- intervenire in situazioni di emergenza umanitaria, di pacificazione nelle aree di conflitto, di assistenza ed aiuto alle persone colpite da calamità naturali, guerre, violenza generalizzata, esclusione sociale, discriminazioni di ogni tipo;

- promuovere e tutelare il diritto di asilo assicurando adeguata protezione a coloro che fuggono da persecuzioni, conflitti e gravi violazioni dei diritti umani;

- promuovere attività di carattere educativo, culturale e sociale di sensibilizzazione, di informazione e di formazione al fine di sviluppare nella società una maggiore attenzione alla tutela dei diritti umani ed una cultura dell'accoglienza.

Art. 5 Scopi ed attività

L'Associazione non ha scopo di lucro, ai sensi dell'art. 3 del D.Lgs. n.155 del 24 marzo 2006, ed ha per oggetto lo svolgimento, in Italia, prevalentemente nei territori di Alba, Brescia e Cremona, attraverso i coordinamenti territoriali dei soci, ed in ambito transnazionale, prevalentemente nel territorio di Zavidovici (Bosnia Erzegovina) delle seguenti attività di utilità sociale, dirette a realizzare finalità di interesse generale, ai sensi degli art. 1 e 2 del D.Lgs. n. 155 del 24 marzo 2006:

- assistenza sociale, educazione, istruzione e formazione, formazione extra-scolastica, ricerca ed erogazione di servizi culturali, in particolare: attività di cooperazione decentrata nei settori della democrazia locale, ambientale, sviluppo economico locale, socio-assistenziale, socio-educativo, socio-culturale, con particolare attenzione alle donne, ai giovani ed alla tutela dei minori e dei diritti umani; accompagnamento sociale ai rifugiati; organizzazione di scambi sportivi e culturali rivolti ai giovani; attività di promozione dell'integrazione sociale e culturale dei cittadini stranieri e dei rifugiati attraverso corsi di lingua italiana, percorsi di accompagnamento sociale, sostegno all'inserimento lavorativo ed abitativo; attività di mediazione sociale e comunitaria; attività di ricerca, analisi e produzione di documenti sulla cooperazione internazionale e sui processi migratori; protezione dei richiedenti asilo politico e rifugiati; attività di promozione dei temi della pace; inserimento socio-economico ed abitativo di soggetti vulnerabili; stage formativi e laboratori interattivi nelle scuole di ogni ordine e grado ed Istituti Universitari, attività laboratoriali di musica con il supporto di rifugiati;

- assistenza sanitaria e socio-sanitaria, in particolare: attività di formazione, prevenzione e consulenza rivolte al proprio interno o ad operatori dei servizi sanitari, sociali, assistenziali, educativi, ad utenti dei servizi socio-sanitari, educativi ed altri soggetti che abbiano interesse per tali servizi; percorsi di riabilitazione psicologica; servizi professionali di accompagnamento, di riabilitazione psicologica, medica, sociale e di tutela legale alle vittime della tortura richiedenti asilo e rifugiati; creazione di una rete territoriale di accompagnamento e di supporto in collaborazione con i sistemi locali pubblici per l'assistenza e la riabilitazione clinica e sociale delle vittime di tortura;

- inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati ed orientamento al mercato del lavoro, in particolare: attività di formazione sull'imprenditoria; servizi di orientamento e sostegno per l'attività imprenditoriale; attività d'impresa al fine di favorire l'inserimento lavorativo dei soggetti che siano lavoratori svantaggiati e/o lavoratori disabili secondo i parametri di cui all'art. 2 commi 2 e 3 del D. Lgs. n. 155 del 24 marzo 2006;

- servizi strumentali alle imprese sociali.

L'Associazione svolgerà la propria attività, anche imprenditoriale di erogazione di beni e servizi di utilità sociale, esclusivamente in modo da perseguire le finalità di utilità sociale e non potrà comunque svolgere attività diverse da quelle di cui al D.Lgs. n. 155 del 24 marzo 2006; dovrà inoltre ottenere oltre il settanta percento dei ricavi dalla sua attività principale.

L'Associazione potrà altresì compiere tutte le operazioni mobiliari ed immobiliari che si rendessero necessarie per il perseguimento dello scopo non lucrativo di utilità sociale sopra descritto; potrà, inoltre, accedere a tutte le forme di finanziamento esterne per sopperire ad eventuali momentanee esigenze di cassa.

Per la lettura della versione completa dello STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE ADL ZAVIDOVICI ONLUS- IMPRESA SOCIALE, clicca quì.