Perugia-Assisi. Il testo della Piattaforma Bresciana per la Marcia

Di seguito il testo della piattaforma per la marcia Perugia-Assisi del prossimo 7 ottobre cui ha aderito il Coordinamento Provinciale dello SPRAR.

Perugia-Assisi – 7 ottobre 2018 

Marcia per la pace e la fraternità

#restiamoumani

Partecipiamo per vincere il senso di inadeguatezza e di impotenza che spesso ci assale di fronte alle tante cose terribili che accadono intorno a noi: ri-unire le energie positive, ri-trovarsi assieme alle persone che hanno deciso di non rassegnarsi e, giorno dopo giorno, cercano di fare la propria parte.

Insieme per:

  • Sostenere la scelta della nonviolenza, della prevenzione dei conflitti e del disarmo come unica possibilità di sguardo al futuro dell’Europa e del Mondo intero.
  • Riconfermare la via della legalità internazionale rappresentata dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e la via della legalità nazionale dettata dalla Costituzione.
  • Chiedere la ratifica da parte dell’Italia del Trattato per la messa al bando delle armi nucleari all’interno della campagna #Italiaripensaci.
  • Esigere il rispetto della Legge 185/90 che proibisce la vendita di armi ai paesi in guerra e che violano i diritti umani.
  • Onorare le convenzioni internazionali ed il dovere fondamentale ed inderogabile di salvare le vite in mare e aprire corridoi umanitari.
  • Bloccare l’ampliamento del regime della legittima difesa.
  • Chiedere l’approvazione della legge di iniziativa popolare per una difesa civile alternativa, che giace in parlamento.
  • Promuovere un linguaggio di pace e di attenzione ad ogni persona umana denunciando l’escalation di linguaggi sempre più aggressivi nei toni e nei contenuti, non rispettosi né delle persone né dei valori costituzionali su cui la nostra società è costruita.

Ci saremo, marceremo e continueremo nelle nostre città, associazioni, movimenti, famiglie, comunità, luoghi di lavoro, scuole, parrocchie … ad impegnarci – attraverso scelte personali e collettive- nei gesti quotidiani che possono testimoniare l’impegno per la pace, i diritti umani, la nonviolenza, l’accoglienza.