Stampa locale | Dal decreto sicurezza più clandestini e più disoccupati tra i giovani italiani

“Il ridimensionamento degli Sprar, fino alla loro chiusura inevitabile se le dimensioni saranno ridotte, comporta la perdita di lavoro per 200-250 giovani italiani che lavorano nei progetti di integrazione con le circa 2500 persone ospiti tra Sprar e CAS. Ed anche sul contribuito dei 35€, su cui è stata fatta propaganda, ricordiamo che al migrante vanno 2,5€ al giorno. Il 92% viene reinvestito in progetti che fanno capo ad enti italiani, che danno lavoro in tutto il paese a ventimila persone.”

Di seguito l’articolo integrale del Giornale di Brescia in merito all’approvazione del DL Salvini al Senato.

Click destro e visualizza immagine per ingrandire