“LA MIGRAZIONE FORZATA E IL DIRITTO DI ASILO OGGI”
PROPOSTA DI ATTIVITA’ DI INCONTRO E NARRAZIONE SUL TEMA


Introduzione
L’Associazione ADL a Zavidovici si occupa da anni di accoglienza e integrazione per rifugiati politici e richiedenti asilo, attraverso progetti che vedono diversi partner istituzionali come parte integrante delle sue azioni.
 Per questo motivo è di grande importanza ed interesse per l’associazione e per le istituzioni mantenere i cittadini informati su questo particolare tipo di accoglienza anche attraverso il coinvolgimento dei più piccoli, protagonisti indiscussi dell’oggi e del domani, in tutte le sue forme.

Il percorso proposto si rivolge agli studenti delle scuole primarie e delle scuole secondarie di primo e secondo grado e affronta il tema della migrazione forzata cercando di restituire complessità ad un fenomeno che sempre di più coinvolge i paesi europei, impegnati nella gestione dell’accoglienza verso le persone che chiedono protezione internazionale.

 I temi del diritto di asilo e dell’accoglienza verranno affrontati e sviluppati attraverso modalità adatte all’età degli studenti coinvolti e l’utilizzo di tecniche di educazione non formale che rendano questo argomento comprensibile a tutti, senza però perderne il significato più profondo.

Obiettivi specifici della proposta
1. Conoscenza del fenomeno delle migrazioni forzate attraverso la relazione diretta con i suoi protagonisti;
2. Ricostruzione delle strade e dei percorsi della migrazione prima dell’approdo in Europa: le ragioni, i tempi, le difficoltà;
3. Conoscenza del diritto d’asilo in Europa e della sua applicazione in Italia (Il sistema SPRAR/SIPROIMI).

SCUOLE PRIMARIE
A causa della complessità del tema trattato, si richiede che le classi partecipanti siano delle IV o delle V.

Proposta A – Incontro (2h)
Chi sono i rifugiati? attraverso l’utilizzo di immagini/video predisposti per l’infanzia e una metodologia ludico creativa viene definita la figura del richiedente asilo o rifugiato e vengono presentati i contesti di partenza.
 Racconto dell’esperienza di migrazione forzata da parte di un rifugiato del progetto SPRAR tramite immagini, oggetti evocativi e dialogo tra gli studenti e il testimone.
In base agli spunti della conversazione con il testimone si propone un focus sul concetto di viaggio e sulle conseguenze nelle vite delle persone.


Proposta B – Favola
• Lettura condivisa della fiaba “Fu’ad e Jamila” scritta da Cosetta Zanotti e illustrata da Desideria Guicciardini (ed. Lapis 2013) intervallata da momenti musicali in cui il conduttore del laboratorio/i rifugiati presenteranno delle canzoni in lingue diverse che come tema hanno la migrazione e la convivenza.
• Apprendimento dei motivi musicali e eventuale stesura di un brano da parte degli alunni.
• Momento conclusivo di riflessione con attività di disegno e scrittura sul tema della fiaba letta.
Considerata la delicatezza del tema e dei contenuti della testimonianza personale si predilige l’incontro con un solo gruppo classe. (25 persone)

 

SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO

Proposta A – Incontro (2h)
• Chi sono i rifugiati: attraverso le immagini, alcuni contributi tratti da video-documentari e un dialogo con gli studenti viene definita la figura del richiedente asilo o rifugiato e dei contesti geopolitici di partenza (dove sono i rifugiati, quale è la loro definizione giuridica, l’immaginario collettivo, le aree di guerra e di maggiore povertà).
• Analisi di notizie tratte dai media e raffronto con i dati del Viminale e dei maggiori dossier legati all’immigrazione in Italia e al fenomeno della migrazione forzata.
• Portatori di sogni: attraverso il lavoro sulle immagini della mostra fotografica di Livio Senigalliesi “Portatori di sogni”, si illustrano i progetti di accoglienza per rifugiati e richiedenti asilo a Cellatica e nella Provincia di Brescia all’interno del sistema SPRAR.
• Solo andata: racconto diretto dell’esperienza di migrazione forzata da parte di un rifugiato inserito nel progetto. Dialogo tra gli studenti e il protagonista.
• Momento conclusivo di riflessione.
Considerata la delicatezza del tema e dei contenuti della testimonianza personale si predilige l’incontro con un solo gruppo classe. (25 persone).

Proposta B –  Incontro di approfondimento con un esperto
• Incontro con un fotoreporter/esperto giornalista.
Presentazione dei fotoreportage “Balkan Route” – “La via del mediterraneo” presso una sala teatro comunale/scolastica, commento delle immagini, riflessione sui media e le modalità di comunicazione relative alle migrazioni e nuove guerre.
• Domande dal pubblico e discussione con i partecipanti.
Per questa seconda tipologia di incontro la modalità può essere quella assembleare e può essere rivolta a più classi contemporaneamente.

 

SCUOLE SUPERIORI

Proposta – Incontro (2h)
• Chi sono i rifugiati: attraverso le immagini, alcuni contributi tratti da video-documentari e un dialogo con gli studenti viene definita la figura del richiedente asilo o rifugiato e dei contesti geopolitici di partenza (dove sono i rifugiati, quale è la loro definizione giuridica, l’immaginario collettivo).
• Portatori di sogni: attraverso il lavoro sulle immagini della mostra fotografica di Livio Senigalliesi “Portatori di sogni”, si illustrano i progetti di accoglienza per rifugiati e richiedenti asilo a Brescia e Provincia all’interno del sistema SPRAR.
• Solo andata: racconto diretto dell’esperienza di migrazione forzata da parte di un rifugiato inserito nel progetto e dialogo tra gli studenti e il protagonista.
• Momento conclusivo di riflessione.
Considerata la delicatezza del tema e dei contenuti della testimonianza personale si predilige l’incontro con un solo gruppo classe. (25 persone).


MATERIALE NECESSARIO
Pc, videoproiettore e telo per la proiezione del filmato e delle immagini. 


CONTATTI
Associazione ADL a Zavidovici Onlus Impresa Sociale
Via Corsica 14/f – Brescia
tel. 030 3660447
segreteria@adl-zavidovici.eu
Referente: Stefano Fogliata
Tel. 3479673225
Email: stefano.fogliata@adl-zavidovici.eu