FER 2010 “DIVERSAMENTE: rete nazionale per l’accoglienza e la riabilitazione di richiedenti asilo e rifugiati portatori di disagio mentale”

IL PROGETTO

Obiettivo generale

Presa in carico integrata di almeno 75 soggetti richiedenti/titolari di protezione internazionale portatori di disagio mentale.

Il target

  • Potenziamento dei servizi di accoglienza e sportello per 55 soggetti portatori di disagio mentale di cui 32 inseriti all’interno del sistema SPRAR
  • Inserimento di almeno 20 destinatari portatori di disagio mentale, esterni al sistema SPRAR, all’interno di alloggi o strutture protette di tipo specialistico;

Miglioramento dell´accesso ai servizi di assistenza medica specialistica e psico-sociale.

  • presa in carico tempestiva e specialistica
  • orientamento attraverso accompagnamenti personalizzati potenziamento della mediazione linguistico-culturale
  • copertura spese sanitarie non fornite interamente dal SSN;

Riabilitazione psico-fisica e comunitaria.

  • Realizzazione di percorsi di cura individualizzati basati su un approccio olistico alla persona,
  • che tengano conto delle diversità culturali
  • realizzazione di laboratori teatrali, musicali, artigianali e sportivi che favoriscano lo stabilimento di relazioni positive con l’altro e l’apertura del sé
  • Servizi di assistenza, informazione, tutela legale, ascolto;

Inserimento socio-economico

  • iscrizione a corsi di formazione -tirocini formativi protetti
  • corsi di alfabetizzazione modulati in base alle problematiche cognitive e di attenzione specifiche dei destinatari;

Autonomia abitativa

  • Mediazione immobiliare per i destinatari al termine del percorso riabilitativo/eventuale erogazione contributo affitto;
  • Potenziamento della rete e del coordinamento tra enti locali, di accoglienza, aziende sanitarie e altri soggetti
  • definizione o rafforzamento di accordi, protocolli per la presa in carico integrata e unitaria dei destinatari (condivisione obiettivi, azioni e risorse per la cura e l´autonomia);

Formazione e diffusione buone prassi

  • Realizzazione di un comune percorso formativo interdicisplinare rivolto ad operatori dei servizi socio-sanitari territoriali (ASL, enti locali) e operatori dell´accoglienza
  • Organizzazione di un seminario finale al quale verranno invitati tutti i progetti Fer finanziati sulla linea,il servizio centrale dello Sprar, le più significative esperienze Sprar operanti nel settore,
  • Pubblicazione di un volume contenente il report finale del progetto e tutto il materiale
  • didattico scaturito dalla formazione.

La rete nazionale

Il progetto si caratterizza per la rilevanza nazionale. La rete di partenariato costituita per il progetto DiversaMente coinvolge 9 membri partner facenti riferimento a 9 diversi territori distribuiti in 7 regioni italiane.

  1. Associazione ADL a Zavidovici Onlus – Brescia(ente capofila)
  2. Cooperativa K-pax – Cividate Camuno – Brescia
  3. ICS Consorzio Italiano di Solidarietà, Ufficio Rifugiati Onlus – Trieste
  4. CIAC Onlus (Centro Immigrazione Asilo Cooperazione Internazionale di Parma e Provincia)- PARMA
  5. Società Cooperativa Sociale Camelot a r.l. – Ferrara
  6. Nuova Ricerca Agenzia Res Coop Soc. a r.l. – Porto San Giorgio (Fermo)
  7. Aelle Il Punto Soci età Cooperativa Sociale – Roma
  8. ONLUS – ASSOPACE AURUNCA, ASSOC. PER LA PACE – Sessa Aurunca (Caserta)
  9. Parsec Coop. Sociale a r.l. Onlus – Roma

Vi è inoltre un’adesione formale al progetto di 4 Enti locali tra cui il Comune di Roma, di Ferrara e di Cellatica, 5 Aziende Sanitarie Locali, gli Spedali Civili di Brescia, lIRCCS (Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico) Fatebenefratelli di Brescia e il Centro Astalli di Roma.

Durata

1 luglio 2011 – 30 giugno 2012