FER 2011 – 2012 “RE START UP: rete nazionale per la creazione di imprese cooperative di titolari di protezione internazionale vulnerabili”

Il progetto Re-Startup si sviluppa su due annualità e nasce dalla necessità di offrire risposte e formulare ipotesi operative e organizzative nuove in grado di garantire percorsi di integrazione mirata rivolti a soggetti in situazioni di particolare fragilità e svantaggio come vittime di tortura, portatori di disagio mentale e nuclei monoparentali, con particolare attenzione alle donne.
La metodologia di intervento è di tipo partecipativo, incentrata sul coinvolgimento dei beneficiari nei processi decisionali relativi ai percorsi imprenditoriali. Viene privilegiato lo sviluppo di aziende cooperative nella convinzione che la trasmissione ai rifugiati dei valori cooperativi favorisca l’integrazione sociale in maniera più efficace rispetto al mero sostegno nella costituzione di un’impresa

GLI OBIETTIVI
Obiettivo generale del progetto è promuovere concretamente l’integrazione socioeconomica e la piena realizzazione dei titolari di protezione internazionale vulnerabili, con particolare attenzione alle donne, attraverso lo sviluppo di percorsi imprenditoriali incentrati su sostegno reciproco e mutualismo.

LE AZIONI
Le azioni programmate sono scandite in diversi fasi di lavoro.
FASE 1 _Diffusione dell’opportunità imprenditoriale e orientamento
FASE 2 _Individuazione dei destinatari dei corsi di formazione imprenditoriale
FASE 3 _Corsi di formazione imprenditoriale
FASE 4 _ Selezione delle iniziative imprenditoriali e orientamento verso gli Istituti di Credito
FASE 5_ Start-up di aziende cooperative
FASE 6_ Seminari tematici e worshop di valutazione intermedia

I PARTNER
Il progetto è realizzato da diversi partner: tre cooperative sociali e tre associazioni ONLUS, tra cui l’Associazione ADL Zavidovici Onlusun ente sindacale di assistenza alle cooperative associate, una società cooperativa impegnata nel settore della formazione professionale. Il progetto coinvolge cinque diverse regioni in tutto il territorio nazionale: Lombardia, Friuli Venezia-Giulia, Emilia- Romagna, Lazio, Puglia.

Le aziende attivate sul territorio grazie a questo progetto:

DEBO SARTORIA

La DEBO SARTORIA nasce grazie al supporto offerto dall’Associazione ADL a Zavidovici Onlus all’interno del progetto denominato “Re start up-Rete nazionale per la creazione di imprese cooperative di titolari di protezione internazionale vulnerabili”, finanziato dal Fondo Europeo per i Rifugiati 2008-2013, Azione 6, AP 2012.
Il progetto ha come obiettivo la promozione dell’ iniziativa imprenditoriale di titolari di protezione internazionale e rifugiati appartenenti alle categorie vulnerabili, attraverso lo svolgimento di corsi di formazione e l’accompagnamento allo start up di imprese.
Il progetto ha fornito supporto ai titolari di protezione internazionale e offerto risposte nuove e mirate a chi, già in fuga dal suo paese di origine perché perseguitato per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza ad un determinato gruppo sociale o per le sue opinioni politiche, vive situazioni di ulteriore svantaggio perché portatore di specifiche vulnerabilità.

Dopo la COOPERATIVA GEKAKE, che ha aperto la CICLOFFICINA MONDO e l’ AUTOLAVAGGIO MONDO, nasce così la DEBO SARTORIA, un’impresa individuale che oltre ad offrire servizi di sartoria e piccole riparazioni, affianca anche il confezionamento di abiti originali e di grande eleganza per uomo, donna e bambino.

Il protagonista è Ibrahim Busari, un sarto e stilista di origine nigeriana, rifugiato in Italia, che ha portato con sé la sua esperienza e la sua arte, e che è già all’opera, nel suo atelier, pronto a rispondere alle richieste della clientela.

Per maggiori informazioni sulla DEBO SARTORIA visita la pagina facebook https://www.facebook.com/debosartoria

 

SOCIETA’ COOPERATIVA GEKAKE

GEKAKE in lingua bambarà significa “tutti uniti”. Noi crediamo che il mondo, come le biciclette, avanza quando tutti i vari pezzi lavorano uniti in armonia.
GEKAKE è stata un’iniziativa di rifugiati politici sostenuta dall’Associazione ADL a Zavidovici Onlus, e con il primo progetto “La ciclofficina Mondo”, promuoviamo l’equità delle opportunità, la mobilità eco-sostenibile, il rispetto per l’ambiente circostante e il lavoro onesto.
servizi che Ciclofficina ha offerto durante il suo esercizio:

  • riparazioni in sede e a domicilio
  • manutenzione
  • ricambi
  • vendita di bici nuove e usate
  • accessori
  • assistenza
  • ritiro a domicilio di biciclette dismesse
  • rigenerazione di biciclette dismesse