Accoglienza e resistenza. Il fulcro della serata di ieri sera ad Ambiente Parco è stato capire e comprendere come in questo preciso momento storico essere comunità accoglienti sia attività di vera e propria resistenza politica rispetto a narrazioni dominanti e nuove leggi imposte al solo scopo di delineare il reato di solidarietà.
Dopo una presentazione cronologica di alcuni episodi solidali che a partire dal 2016 sono saliti alla ribalta della cronaca nazionale proprio per la loro inedita configurazione illegale (i 16 fogli di via a uomini e donne, italiani e svizzeri, al fianco dei migranti a Como; l’allontanamento da Ventimiglia da parte del questore di Imperia imposto a due giovani solidali coi migranti; il caso dell’attivista danese Lisbeth Zornig; l’arresto di volontari spagnoli a Lesbo; il caso di Cedric Herrou) è seguita la testimonianza di Nicola Zambelli, filmaker impegnato nel progetto The Milky Way assieme al regista Luigi D’Alife. Un prezioso lavoro di documentazione del vissuto che ad oggi conta due anni di riprese tra la Val Susa, Claviere, Monginevro e Briançon. Territori che in questi ultimi mesi hanno visto emergere nuove realtà e gruppi solidali (come l’associazione Tous Migrants) meritevoli di porsi in prima linea per fornire supporto ai migranti nelle zone di confinetra Italia e Francia, pur rischiando le denunce e l’attività repressiva della Polizia Francese.
[foogallery id=”18666″]
 
Testimonianze ed esempi necessari per concludere questo ciclo di approfondimento e permettere ai nuovi tutor (ma non solo a loro!) di fare mente locale e ripensare alle proprie reti sociali grazie ad un semplice esercizio: in questo momento storico ogni conoscenza attiva in qualsiasi ambito, sia esso lavorativo, immobiliare, sportivo, burocratico, può marcare la differenza e rivelarsi determinante nel sostegno a quei rifugiati che, nel tentativo di riconquistare la propria autonomia, devono prima misurarsi con l’assenza di qualsiasi supporto sociale nel momento in cui sono costretti ad abbandonare un progetto di accoglienza.
Per questo motivo ogni post-it rappresenta una persona potenzialmente in grado di supportarci in questa iniziativa, in constante evoluzione con nuovi incontri in programma e perennemente aperta a chiunque fosse interessato… In questo caso potete contattarci utilizzando questo modulo!

 
Per approfondire:
Vuoi dare un supporto concreto ai rifugiati?
Progetto ÀNCORA
Il contadino francese che rischia il carcere per aiutarli
Michel Toesca racconta una scena di Libero
Sulla rotta alpina con i migranti che cercano di entrare in Francia

Invia la tua disponibilità!