«Le difficoltà maggiori per i migranti sono di natura psicologica. Il loro background è già molto complicato, questi 15 giorni di attesa estenuante stanno peggiorando le cose. Ho paura che commettano atti di autolesionismo. Non ho tempo per pensare alle dichiarazioni del ministro, ho la responsabilità di 42 persone sulle mie spalle»
Da ieri il nome della capitana della nave, che due giorni fa ha deciso di mettere fine all’inutile attesa di un porto sicuro entrando senza autorizzazione nelle acque territoriali italiane, è iscritto nel registro degli indagati della procura di Agrigento per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e per non aver obbedito all’ordine di fermarsi impartitole dalla Guardia di finanza.
Dopo aver deciso di mettere fine all’inutile attesa di un porto sicuro entrando senza autorizzazione nelle acque territoriali italiane, il nome di Carola Rackete è stato iscritto nel registro degli indagati dalla procura di Agrigento per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e per non aver obbedito all’ordine di fermarsi impartitole dalla Guardia di finanza.
Ponendo al di sopra di ogni cosa la tutela della salute del suo equipaggio e delle persone soccorse, l’accusa è inoltre di resistenza e violenza contro nave da guerra, che prevede una pena dai 3 ai 10 anni di reclusione. Infine, per effetto del DL Sicurezza, Sea Watch dovrà pagare una multa da 20mila euro.
“Può essere considerato criminale chi dopo continue provocazioni è lasciato da solo in mezzo al mare? Certo che non può. La comandante non aveva altra scelta, da 36 ore aveva dichiarato lo stato di necessità che le autorità italiane avevano ignorato”.

Con le parole di Giorgia Linardi, portavoce di Sea-Watch, ci affianchiamo a Carola Rackete esprimendo tutto il nostro supporto e solidarietà nei confronti di questa giovane donna, insutata e derisa, dipinta come radical chic e figlia di papà, nonostante conosca quattro lingue, abbia lavorato per la British Antartic Survey, sia stata al timone di una nave rompighiacchio al Polo Nord e secondo ufficiale sia della Ocean Diamond che della Aretic Sunrise di Greenpeace.
Decidere di dedicare la propria vita alla tutela dei diritti umani non può essere oggetto di criminalizzazione.
Di fronte ad un dramma quotidiano ormai da troppi anni è la stessa Unione Europea a dover intervenire con misure adeguate per affermare il principio di solidarietà e soccorso in mare. Prima le persone!

Vi invitiamo a rilanciare e diffondere la campagna nazionale di IO ACCOLGO.
Pagina Facebook della campagna nazionale
Invitiamo inoltre chiunque volesse dimostrare il proprio sostegno a Sea Watch al Sit-in di stasera dalle 18h30 all’oratorio di S.Maria in Silva a Brescia (Via Sardegna 29) e ad aderire al comitato bresciano della campagna Io Accolgo.
Qui la scheda di adesione per promotori e sostenitori!

Per approfondire il caso Sea Watch:
Carola Rackete querela Matteo Salvini per diffamazione ed istigazione all’odio
Captain who rescued 42 migrants: I’d do it again despite jail threat
Nessuna connessione tra ONG e scafisti, archiviata l’indagine su Open Arms
Ciò che il diritto non dice, ciò che i numeri gridano
Il GIP smonta il decreto salvini: mail di Sea-Watch senza risposta
Nessuna disobbedienza civile di Carola. É Salvini che fa disobbedienza civile
Carola Rackete: una sentenza da studiare
Carola è libera, il GIP di Agrigento non convalida l’arresto
Carola Rackete libera subito: l’appello di Micromega
Umani o mostri. E purtroppo sarà impossibile scendere in piazza per Carola
La comandante Carola Rackete arrestata tra applausi e insulti
La lunga notte della comandante
Carola Rackete come Antigone “Prima delle leggi”
Intervista a Francesca De Vittor, ricercatrice diritto internazionale ASGI a Rai Radio 1 sulle conseguenze della condotta Sea Watch

Appello alla mobilitazione – Mediterranea in strada, a fianco dei naufraghi della Sea-Watch 3, a fianco della sua comandante e del suo equipaggio