Verso le elezioni di settembre: appello
Nuova campagna elettorale, vecchia giostra dell’odio!

Aderiamo all’appello del Forum per cambiare l’ordine delle cose 

L’agenda elettorale deve raccogliere le priorità politiche di uno stato di diritto.

Il direttivo del forum per cambiare l’ordine delle cose nel ragionare su come affrontare e attraversare questa sfida elettorale e poter incidere con i temi che riteniamo prioritari, ha deciso di lanciare un appello alle reti, agli attivisti e alle comunità locali, finalizzato a raccogliere le energie e intervenire in questa campagna elettorale. Esprimiamo forte preoccupazione per una campagna sui temi delle migrazioni che inizia a diventare aggressiva, sloganistica, e volta solo a ottenere consenso mettendo esseri umani contro altri esseri umani.

Il rischio di determinare un nuovo arretramento delle politiche sull’accoglienza dovrebbe dunque preoccuparci, visto il clima elettorale che si prospetta: faticosamente stiamo cercando di uscire da una crisi politica e di violazione sistematica dei diritti, determinata da più di un governo in passato e riteniamo che le ultime riforme in materia di accoglienza e inclusione debbano trovare un percorso di definizione ed essere dunque al centro delle scelte politiche che si compiranno.

Vogliamo lanciare quello che crediamo sia il manifesto delle priorità, volto a salvaguardare le necessarie riforme e consolidare le policy dell’accoglienza e dell’inclusione: nel corso di questi ultimi due anni il confronto politico tra le decine di associazioni, attivisti ed esponenti delle comunità locali, ha individuato alcune delle tematiche che necessariamente devono entrare nell’agenda politica delle forze democratiche che si candidano a governare:

– il superamento dell’attuale Legge Bossi- Fini con l’approvazione della proposta di legge popolare “Ero Straniero” e la necessità di una nuova legge sulla cittadinanza ispirata al principio dello ius soli;

– la riforma del sistema di accoglienza che preveda un progressivo trasferimento di competenze ai Comuni della gestione ordinaria dell’accoglienza superando una impostazione volontaristica nell’adesione al SAI che si è rivelata infruttuosa; La riforma deve avere come primo scopo il superamento del circuito di emergenza: un sistema dunque diffuso, pubblico locale, in rete con le politiche ordinarie del welfare, che possa rafforzare le politiche di tutela abitativa (dall’accoglienza in famiglia alle policy di cohousing);

– una riforma normativa che permetta al cittadino straniero di emergere dalla condizione di irregolarità amministrativa in presenza di una concreta possibilità di inserimento lavorativo;

– una piena e corretta applicazione della protezione speciale, in modo uniforme e accessibile su tutto il territorio nazionale con un allineamento delle pratiche difformi;

– la costruzione di una politica di ingressi che introduca il visto di ingresso per ricerca di lavoro e salvaguardi il diritto alla mobilità per lavoro e studio;

– la, non più rinviabile, approvazione del piano integrazione nazionale, fermo al 2019, unico strumento in grado di programmare la spesa dei fondi europei in materia di inclusione dei rifugiati e richiedenti asilo.

Chiediamo dunque la possibilità di attivare un confronto per costruire una campagna a partire dalla fine di agosto che possa ambire a incidere sull’agenda politica delle forze che si confronteranno con il voto del 25 settembre.

Per rendersi disponibili ad un confronto tra le realtà coinvolte per contribuire alla costruzione dei contenuti è possibile inviare una mail a coordinamento.forum1@gmail.com oppure chiamare il numero 3200897046 (anche msg WhatsApp)

Costruiamo una rete per il #manifestoPriorità

Seppur non esaustivi, questi temi sono un punto di partenza del contenuto rappresentativo di una possibile rete nazionale e oggetto di possibili interlocuzioni politiche in vista della scadenza elettorale.

Chiediamo dunque la possibilità di attivare un confronto per costruire una campagna a partire dalla fine di agosto che possa ambire a incidere sull’agenda politica delle forze che si confronteranno con il voto del 25 settembre.

Per rendersi disponibili ad un confronto tra le realtà coinvolte per contribuire alla costruzione dei contenuti è possibile inviare una mail a coordinamento.forum1@gmail.com oppure chiamare il numero 3200897046 (anche msg WhatsApp)

Costruiamo una rete per il #manifestoPriorità

Qui il sito del Forum per cambiare l’ordine delle cose

Rispondi